Stop the Crop

For a sustainable, GMO-free future

La Rete italiana delle organizzazioni Ogm-

Novembre 1st 2011

La vicenda OGM ha dato infatti vita a un fenomeno di resistenza attiva a tutela di una cultura dell’alimentazione radicata nei saperi contadini e nei sapori delle campagne. Un atteggiamento che si è incardinato sulla legittima e necessaria logica del rifiuto di una tecnologia fallace e del paradigma di stampo totalitario che la vuole imporre, determinando risultati di grande nettezza.

In Italia non si coltiva un solo ettaro a OGM e vi è una sostanziale consunzione della sperimentazione di coltivazioni transgeniche in campo aperto. Inoltre le porte secondarie di ingresso agli OGM (come la contaminazione delle sementi) sono vigilate dalle autorità doganali e agricole e l’industria alimentare così come la grande distribuzione organizzata hanno adottato rigorose politiche di esclusione di ingredienti transgenici dagli alimenti che commercializzano.

I cittadini italiani risultano oggi informati, consapevoli e massicciamente schierati contro la presenza di OGM nei campi e nei piatti. Ad oggi, gli OGM si declinano sostanzialmente ‘solo’ nelle importazioni di soia transgenica destinate a nascondersi nella mangimistica zootecnica.

About the Stop the Crop campaign

This website and film present some of the dangers of GM-crops, and call for people across Europe and beyond to take action to stop them. We need a future of food and farming that benefits people and planet, and not the pockets of big business. We need to stop GM-crops from spreading across Europe. You can sign up for updates and alerts opposite.